Madrid è una delle capitali europee più maestose dopo Londra e Parigi. Splendidi palazzi, immensi parchi, tanti quartieri con stili diversi, storia, arte, cultura, e tanto buon cibo. Non ci si annoia davvero mai. Non mi meraviglia il fatto che ci siano tantissimi stranieri da tutto il mondo che hanno deciso di trasferirsi a Madrid. Anche se di per sé è una città immensa, basta qualche ora a zonzo per imparare a destreggiarsi tra i quartieri e scoprire le tante meraviglie che ha da offrire.

QUANDO ANDARE

Sempre. Appena potete, appena trovate un volo low cost. Può essere molto calda in agosto, poiché non essendo sul mare risente del clima continentale. In inverno le temperature sono basse, ma difficilmente scendono sotto lo zero e non nevica quasi mai.

Per poter apprezzare in pieno il Parque del Retiro, i periodi migliori sono ovviamente la primavera e l’autunno, mesi in cui il parco si riempie di fiori colorati.

DA NON PERDERE:

  • Il Mercato di San Miguel, dove si può mangiare di tutto a poco. Tipiche le tapas di baccalà, buonissime se piace il pesce. Vale la pena una visita, scegli quello che vuoi mangiare ai banchetti e poi ti siedi ai tavolini in centro al mercato. Ottima occasione anche per incontrare gente del posto.
  • Cattedrale de la Almudena, vicina a Palazzo Reale. Davvero molto bella sia la cattedrale sia la cripta. Si visita velocemente.
  • Palazzo Reale, stupendo da visitare. Richiede almeno due ore. La visita include le sale d ricevimento e il museo delle armature. Se non avete tempo, vale la pena anche solo vederlo da fuori perché è immenso e tutto bianco. E’ proprio accanto alla Cattedrale.
  • Passeggiare da Puerta del Sol, il cuore di Madrid con la statua dell’orso simbolo della città fino a Plaza Mayor, altro simbolo di Madrid: una piazza rossa tutta porticata e circondata da bar e negozietti. Facendo la strada a piedi è bello perdersi (con cartina alla mano) per le viette laterali che congiungono le due piazze, perché ci sono moltissimi negozietti tipici e ristorantini.
  • Piazza Santa Ana, una zona tranquilla di Madrid con ristoranti e posti storici, con piastrelle di ceramica che decorano le facciate. Ottimo posto per provare tapas e cercare spettacoli di tango, o bersi un caffè al mattino.
  • Mercato dei libri Cuesta de Moyano, vicino ad Atocha. Sono bancarelle praticamente fisse, penso ci siano anche in inverno. E’ caratteristico passeggiare e curiosare tra i vari venditori di libri, si trova di tutto. Bello farci un giro anche se non sai una parola di spagnolo.
  • Parco del Retiro. Tappa che non si può assolutamente saltare, anche se si ha solo mezzoretta. C’è un bellissimo lago dove nella bella stagione si possono affittare le barchette a remi e farci un giro, e un palazzo di vetro in stile liberty che ospita mostre temporanee. E’ immenso e si passa da ambienti tipo bosco ai giardini settecenteschi francesi stile Versailles.
  • Gran Via, con i negozi all’ultima moda e le grandi catene. E’ la via principale di Madrid, non si riesce ad evitare di passarci.
  • Museo del Prado e di Reina Sofia. Le due perle dell’arte internazionale a Madrid. Sono come il Louvre e il Museo d’Orsay a Parigi. Il Prado dedicato all’arte classica, il Reina Sofia all’arte contemporanea, il primo necessita di almeno mezza giornata, il secondo si vede più rapidamente in un paio d’ore. Conservano capolavori d’arte come Las Meninas di Velazquez, il Giardino delle Delizie di Bosco, la Maya Desnuda di Goya.
  • Merita una visita veloce anche la stazione di Atocha, molto particolare perché contiene un piccolo parco con palme, specie acquatiche, rane, ninfee e molte bancarelle.

Ci sarebbe anche l’Arena, la Plaza de Toros. Molto bella da fuori, ma da buona animalista la sconsiglio. =)

CUCINA

Provate le tapas di baccalà del mercado de San Miguel, sono ottime! Oltre al mercato, ci sono moltissimi posti a Madrid in cui sbizzarrirsi con le tapas. Nei quartieri di La latina, los Austrias, Conde Duque o la Puerta del Sol si possono provare il famoso Bocadillo de calamares (panino con i calamari), le Patatas bravas (patate con peperoncino) los callos (simili alla nostra trippa), las Mollejas a la madrileña (una specie di trippa) o l’inconfondibile Tortilla de patatas.

LOGISTICA

Prendetevi un hotel in centro e girate la città a piedi: è sicuramente il miglio modo per scoprire le bellezze nascoste di questa città. Se non volete spendere molto, ci sono tantissimi bed&breakfast carini e a buon mercato nella zona di Puerta del Sol. Le attrazioni principali sono tutte comodamente raggiungibili a piedi, ma potete anche usare la metro che collega tutti i quartieri.

La metro collega anche l’aeroporto di Madrid, tramite la linea 8.

Se vi servono altri consigli, scrivetemi!