Inizierò dicendo che sono finita a Tallinn per caso e come tappa intermedia per raggiungere la Lapponia in modo low cost conquistando uno stato in più. Ma è stata una sorpresa. Quando oggi mi chiedono cosa mi è piaciuto di più del viaggio in Lapponia, rispondo “Tallinn!”. Oserei quasi dire che, tolte le grandi capitali, è la città esteticamente più bella che ho visto. Dedicatele due giorni interi e non ve ne pentirete: è una capitale moderna con una ricca storia medievale, in grado di sbalordirvi per l’ordine e la pulizia.

  • Piazza Raekoja e il Municipio
    Piazza Raekoja e il Municipio
  • Mercatini di Natale in Piazza Raekoja
    Mercatini di Natale in Piazza Raekoja
  • Passaggio di Santa Caterina
    Passaggio di Santa Caterina
  • Piazza dell'Indipendenza
    Piazza dell'Indipendenza
  • Cattedrale ortodossa di Alexander Nevsky
    Cattedrale ortodossa di Alexander Nevsky
  • Cattedrale ortodossa di Alexander Nevsky
    Cattedrale ortodossa di Alexander Nevsky
  • Parlamento
    Parlamento
  • Torre del Castello di Toompea
    Torre del Castello di Toompea
  • Porte di Viru
    Porte di Viru
  • Mura
    Mura
  • Panorama dalla torre Kiek in de Kok
    Panorama dalla torre Kiek in de Kok
  • Bastion Passages Museum
    Bastion Passages Museum
  • Chiesa di St. Olav
    Chiesa di St. Olav
  • Museum of Occupations
    Museum of Occupations
  • Museum of Occupations
    Museum of Occupations
  • Fat Margaret Tower
    Fat Margaret Tower

Quando andare

Io ci sono andata la prima settimana di gennaio e ha il suo fascino, per via della neve e dei mercatini di Natale nella piazza centrale. Ma a naso credo che il momento migliore sia la primavera/estate, per ammirare appieno i colori della città che con il cielo grigio di gennaio un po’ si spengono.

Da non perdere

  • Piazza Raekoja qui venne addobbato uno dei più antichi alberi di Natale del mondo, attorno al 1400 e, sempre qui, è ancora in funzione la farmacia con i laboratori più antichi d’Europa, che non ha mai smesso di operare dal 1422: potete entrare a visitarla! Sempre in piazza, sotto al municipio, troverete un Museo di storia, nulla di imperdibile ma già che ci siete..
  • La collina di Toompea con il Parlamento, il Castello e la magnifica Cattedrale ortodossa di Alexander Nevsky. Per un secondo vi sembrerà di essere in Russia.
  • Il Museum of Occupations imperdibile tappa per capire la storia di questo interessantissimo paese. Il Museo parla delle occupazioni al plurale, dato che la Nazione è stata dominata dai russi, poi dai nazisti e poi ancora dai russi, con deportazioni e imposizioni che hanno segnato in modo profondo l’intera popolazione.
  • Torre Kiek in de Kok & Bastion Passages Museum dove ammirare reperti della storia medioevale e recente e, soprattutto, dare un’occhiata alla città dall’alto.
  • Piazza dell’Indipendenza con la croce in memoria della guerra d’indipendenza estone del 1918-1920.
  • Chiesa di St. Olav, con il suo imponente campanile che domina l’intera città e che alcuni secoli fa è stato per un buon periodo l’edificio più alto del mondo.
  • Il passaggio di Santa Caterina, caratteristico vicolo ad archi.
  • Le mura. Vi consiglio di non perdere l’ingresso alla città dalle Porte di Viru.
  • Un lungo giro a piedi all’interno del centro. Resterete stupiti dalla bellezza delle case, dalla cura e dalla pulizia di ogni stradina. Dai punti più alti della città potrete vedere il mare e ammirare i piccoli grattacieli della zona moderna, perfettamente fusi all’interno della città e in grado di regalarvi uno skyline davvero suggestivo.

Curiosità

Siamo al confine con la Russia e si vede. Respirerete Russia in ogni angolo. Dal venditore ambulante di monete russe, alle matrioska nelle vetrine, ai menù in russo.
Qui visse e lavorò per un periodo anche Indro Montanelli come direttore dell’Istituto Italiano di Cultura.
Il prodotto per eccellenza è l’ambra. Potrete sbizzarrirvi a cercare il vostro pendaglio preferito tra i tantissimi negozi del centro.

DSCN7818

Cucina

A cena vi consiglio il Peppersack a due passi dalla piazza principale, dove mangiare un’ottima cena tipica in una deliziosa atmosfera medievale.
Per colazione o pranzo potete invece andare da Rukis in via Viru, una delle strade principali che conducono alla piazza centrale.
Se avete finito il budget ma non volete ridurvi al fast food, allora vi resta una possibilità: il Draakon , all’interno del palazzo del municipio proprio sulla piazza, dove per una cifra irrisoria vi rimpinzeranno di cibo da mangiarsi rigorosamente con le mani illuminati solo dalle candele alle pareti.

Info logistiche

Arrivare a Tallinn è facilissimo e low cost! L’aeroporto dista circa 20 minuti dal centro.
La città è piccolina e il centro storico si visita tranquillamente a piedi.
Per dormire vi consiglio senza dubbio Apartments Viru Square 6. Un appartamento comodo per 2 persone, ma va bene anche per 4, con delle vetrate immense sulla via che conduce alla piazza. Comodissimo!
Se avete dei giorni in più, vale sicuramente la pena di approfittare dei traghetti giornalieri per visitare anche Helsinki. Occhio che le navi partono a volte anche con 10 minuti d’anticipo e il check-in chiude 30 minuti prima in modo tassativo. Se patite il mal di mare allora forse questa breve traversata di 2 ore e mezza non fa per voi (e nemmeno per me, dato che come da tradizione ho passato il viaggio con la testa nel sacchetto).

 

Valdostana di origine e milanese d'adozione, è laureata in Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano. Ha conosciuto…